ISTITUTO

L’Istruzione Professionale Statale per i Servizi Commerciali (IPSSC) è svolta da diversi decenni nel territorio dei distretti scolastici delle sedi di Inzago e Trezzo sull’Adda (a Gorgonzola fin dagli anni ’60 del secolo scorso).

In seguito a richiesta di autonomia scolastica presentata dal Comune di Inzago in accordo con il Comune di Trezzo e Gorgonzola, il Ministero della Pubblica Istruzione ha autorizzato l’autonomia stessa, iniziata effettivamente il 1° settembre 1992, data che ha visto le suddette sedi scolastiche costituirsi nell’Istituto Professionale di Stato per i Servizi Commerciali di Inzago, con sede centrale ad Inzago e coordinata a Trezzo e Gorgonzola.

Nell’anno scolastico 1993/94, in virtù della tipologia di indirizzo e della prevalente utenza femminile, l’Istituto viene intitolato a Marisa Bellisario, brillante esempio di donna manager capace di coniugare femminilità e determinazione professionale senza cedere a compromessi.

Durante l’anno scolastico 1994/95 è cominciata l’attuazione del “Progetto ‘92”, vale a dire la nuova istruzione professionale che ha profondamente ammodernato ordinamento, programmi di studio, attività e modalità di svolgimento della didattica, e che, rispetto al tradizionale modello di istruzione professionale, meglio ha soddisfatto le esigenze dell’utenza. In base ai nuovi cicli di studio previsti dal Progetto ‘92, risultava possibile il conseguimento dei diplomi di qualifica di operatore della gestione aziendale, turistica e dei servizi sociali (al termine del ciclo triennale di studi) ed anche il diploma di maturità professionale dell’indirizzo scelto (al termine del biennio post-qualifica).

Con l’anno scolastico 1995/96 tutte le classi prime dell’Istituto si sono uniformate al “Progetto ‘92”.

Nell’anno scolastico 1996/97 è stato istituito presso la sede centrale il corso serale, limitatamente all’indirizzo aziendale-turistico.

Nell’anno scolastico 2000/2001 è stato attivato anche l’indirizzo di studi dei Servizi Sociali.

Nell’anno scolastico 2005/2006, per ospitare il crescente numero di alunne e alunni, è stato inaugurato il nuovo edificio scolastico che si è affiancato a quello storico accogliendo le classi della sede di Gorgonzola.

Nell’anno scolastico 2006/07 è stato attivato il Liceo Socio-Psicopedagogico nella sede di Inzago.

A partire dall’anno scolastico 2010/11 si sono costituite le classi prime del nuovo ordinamento che prevede, anche per gli indirizzi professionali statali, un percorso quinquennale; si sono pertanto attivati gli indirizzi Tecnico dei Servizi Socio-Sanitari, Tecnico dei Servizi Commerciali e Liceo delle Scienze Umane.

Dopo qualche anno di coesistenza, con l’Esame di Stato dell’anno scolastico 2013/2014, sono state licenziate le ultime classi aderenti al vecchio ordinamento.

Dall’anno scolastico 2013/2014, nella sede di Inzago, si è istituito il Liceo delle Scienze Umane con opzione economico-sociale.

Dall’anno scolastico 2014/2015, per le classi quinte del Liceo delle Scienze Umane, è stato attivato il CLIL (Content and Language Integrated Learning), relativo all’insegnamento di una disciplina in lingua inglese (30% del monte ore).

Dall’anno scolastico 2016-2017, nella sede di Inzago, è stato attivato l’indirizzo Tecnico dei Servizi commerciali con curvatura turistica.

Dall’anno scolastico 2018-2019 in base al Decreto Legislativo 61/2017 (Revisione dei percorsi dell’istruzione professionale) si sono costituite le classi prime “Servizi Commerciali” e “Servizi per la sanità e l’assistenza sociale”.

MISSION

L’Istituto vuole fornire conoscenze, competenze e abilità – che consentano l’inserimento nel mondo del lavoro – e cultura a dimensione europea – utile alla crescita umana e sociale dello studente.

Si pone inoltre i seguenti OBIETTIVI:

Prevenire l’abbandono scolastico e garantire il successo formativo:

  • attivando interventi di recupero e potenziamento, anche personalizzati;
  • organizzando il riorientamento, anche con esperti esterni.

Favorire l’apprendimento, in relazione ai problemi propri della crescita in età adolescenziale, modernizzando le metodologie e le strategie didattiche.

Valorizzare le attitudini e le potenzialità individuali.

Favorire il passaggio da un indirizzo all’altro, da un Istituto all’altro, dall’istruzione alla formazione e viceversa:

  • organizzando passerelle;
  • riconoscendo i crediti formativi.

Favorire l’acquisizione di competenze professionali attraverso le attività di PCTO (ex alternanza scuola – mondo del lavoro)

  • organizzando stage in aziende, enti pubblici e privati e moduli e attività interne alla scuola con esperti esterni provenienti dal mondo del lavoro;
  • promuovendo, in collaborazione con il territorio, esperienze di CPTO (ex alternanza scuola mondo del lavoro).

Favorire l’acquisizione di competenze e conoscenze, professionali e culturali, utili alla promozione del senso di appartenenza alla comunità europea:

  • promuovendo e sensibilizzando la cultura europea;
  • stimolando la progettualità attraverso i fondi Europei (PON);
  • organizzando scambi con partner europei;
  • organizzando viaggi d’istruzione e stage linguistici nei paesi della Comunità Europea.